Close

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.   Cookie Policy.

circolo Arci
Risorse - Stili del tango

Gli stili del tango.


Parlare di stili nel Tango per alcuni potrebbe essere un argomento un pò controverso. Mentre alcuni ballerini serenamente ci dicono che ballano in un certo stile, altri ci dicono che l'unico stile del Tango è il Tango stesso. Qui sotto troverete, in una sorta di compendio, un elenco dei vari stili di Tango conosciuti.

La milonga.

La milonga è forse lo stile più rapido e al tempo stesso allegro. Ci sono essenzialmente due modi per ballare la Milonga: la "Milonga con traspiè", molto diffusa a Buenos Aires e la "Milonga lisa" un tango veloce ballato solo sul tempo. La Milonga viene considerata generalmente più antica del tango , incorporando molti dei suoi passi. Il suo tempo musicale è un 2 ⁄ 4 a differenza del 4 ⁄ 4 solito.

Il Tango Salòn.

Il Tango Salò è considerato uno degli stili più popolari. È danzato con un abbraccio flessibile, stando vicini e aprendo come e quando richiesto. Ritmo musicale in 4 ⁄ 4 con musica di elevata qualità, è uno stile di danza lineare venendo ancora ballato in questa forma dai danzatori più anziani nei locali tradizionali. Si è evoluto nel tempo, arricchendosi di nuove figure e nuovi passi.

Milonguero (Milonghero).

È quello che una volta erano gli stili orillero e apilado. Il Tango Milonguero è caratterizzato da un abbraccio stretto con i due partner inclinati leggermente uno verso l′altro. Questa postura è utile nel limitato spazio disponibile su una pista affollata. È lo stile in cui ci si imbatte nelle affollate Milongas di Buenos Aires o di Montevideo. Con questo stile risulta molto difficile alla donna eseguire figure complesse.

Canyengue.

Il Canyengue (termine che ha il significato di "gente di periferia") è la prima forma di tango ma che ha tuttavia ancora oggi molti estimatori. Lo stile, su un tempo di 2 ⁄ 4, prevede passi veloci, l′abbraccio è stretto, la testa e il corpo sono inclinati in avanti, le gambe si allacciano frequentemente. Spesso si balla con la mano dell′uomo infilata in tasca mentre la donna la tiene appoggiata su un fianco, e camminando insieme fianco a fianco.

Nuevo.

Così come nella sua musica il Tango si mantiene in continua evoluzione, così succede nel ballo. Lo stile chiamato "nuevo" è caratterizzato da un abbraccio molto flessibile, elastico, contrastando i movimenti e con passi fuori degli assi. Questo stile è nato recentemente, negli anni ′90. Viene insegnato in modo tale che l′allievo si crea il proprio tango personale, non più legato alle figure classiche della tradizione. È così diverso dal Tango che alcuni lo considerano una disciplina per suo conto, tanto da essere ostracizzato dai ballerini più tradizionali.

Vals o Vals Tango.

Ballato sulla musica dei valzer viennesi suonata con gli strumenti del tango, il vals ricorda la musica del tango reso più scorrevole e fluido. La musica è in 3 ⁄ 4.

Il Tango Escenario.

Questo Tango - Tango a volte anche chiamato per esportazione - è quello che si può vedere sulla scena di uno spettacolo. È caratterizzato da un abbraccio aperto, movimenti molto accentuati e numerosi "ganchos" coreografici oltre a movimenti che non fanno propriamente parte del tango (spesso presi dal balletto).

© Mala Yunta Modena